fiordalice

MUSICA CLASSICA E ARTE  2008

1923

Indietro  
B.Bartok - Suite di danze
Commissionata a Bartˇk nel 1923 per le celebrazioni del cinquantenario dell'unificazione di Budapest, la Tancszvýt fu completata nell'agosto a Radnavy, ed eseguita per la prima volta il 23 novembre a Budapest, sotto la direzione di Ern˛ DohnÓnyi. Concepita pi¨ come poema coreografico che come suite, e destinata ad un'esecuzione ininterrotta, la partitura Ŕ articolata in sei tempi, con un Ritornello variato ricorrente. Eccone il profilo formale: I. Moderato: due temi arabeggianti (ma creati dal compositore) organizzati secondo lo schema tradizionale di danza, ABA'. Tempo di dinamica varia che arriva sino a un Vivo Ritornello: tema ai violini con sordina, poi al clarinetto (Allegretto). IL Allegro molto: tema ungherese, il cui ritualismo primitivo esplode nella dionisiaca frenesia del finale. Ritornello: tema al clarinetto, poi ai violini con sordina (Tranquillo). III. Allegro vivace: tre temi di danza rumeni, aggregati nello schema di rond˛, ABACA'. IV. Molto tranquillo: tema berbero, immerso nella notturna sonoritÓ di corni e archi con sordina, arpa, pianoforte. Ritornello: questa volta pianissimo, e in forma pi¨ compatta. V. Comodo: tema arcaico centroeuropeo, condotto sino all'incandescenza timbrica attraverso un crescendo che sfocia direttamente nel tempo conclusivo. VI. Finale, Allegro: quasi una rapsodia, ove riaffiorano tutti i temi della Tancszvýt. Nel turbinio, come nell'occhio di un ciclone, tutto di quando in quando si placa per un istante, nella calma di movimenti distesi (Allegretto, Molto tranquillo e simili) che s'alternano a tempi rapidi (Allegro vivace, Presto, Allegro molto).

Copyright 2009 PAOLO FIORDALICE. Tutti i diritti riservati.