fiordalice

MUSICA CLASSICA E ARTE  2008

1916

Indietro  
S.Prokofiev -  Scythian Suite op.20
Suite Scita (Ala e Lolli) op. 20
L'adorazione di Vélèss e di Ala (Allegro feroce) - Il dio nemico e la danza degli spiriti neri (Allegro sostenuto) - La notte (Andantino) - La partenza gloriosa di Lolli e il corteo del Sole (Tempestoso, Allegro, Andante sostenuto)
Nel 1913, incaricato da Sergej Diaghilev di comporre un balletto per i Ballets Russes, Prokof'ev s'ispirò alla mitologia dell'antico popolo scita scrivendo il balletto Ala e Lolli, Il lavoro non incontrò tuttavia l'approvazione di Diaghilev, e non fu mai messo in scena dai Ballets Russes. Da tale lavoro Prokofiev ricavò, qualche tempo dopo, la Suite scita op. 20.
Formata da quattro brani, questa suite è una delle pagine più significative del giovane Prokof'ev, per il suo radicalismo melodico e armonico e per la presenza di una accentuata componente ritmica che a tratti acquista una barbarica evidenza, richiamando alla mente (pur in un contesto linguistico profondamente diverso) le opere coeve del giovane Stravinskij.
La composizione fu eseguita la prima volta a Pietroburgo il 29 gennaio 1916, sotto la direzione dell'autore.

Nel primo brano della suite, L'adorazione di Vélèss e di Ala, si descrive una cerimonia in cui gli Sciti invocano Vélèss dio del Sole e sacrificano all'idolo di Ala, figlia di Vélèss.
Nel secondo, II dio nemico e la danza degli spiriti neri, entra in scena il dio Cuzbog, nemico di Ala e Vélèss, i cui adepti, sette mostri pagani evocati dai loro reami sotterranei, eseguono con lui una danza selvaggia massicciamente marcata dai numerosi corni che procedono, fortissimi e compatti, per quarte, quinte e ottave parallele.
Il terzo brano (La notte), dalle sonorità spettrali, è dedicato al tentativo di Cuzbog di rapire la dea Ala durante la notte. L'intervento dell'eroe scita Lolli e quello, ancor più decisivo, del dio Vélèss, che fa sorgere il sole dissolvendo le entità diaboliche, salvano Ala (quarto brano, La partenza gloriosa di Lolli e il corteo del Sole), conducendo la suite a una radiosa conclusione.

Copyright 2010 PAOLO FIORDALICE. Tutti i diritti riservati.