fiordalice

MUSICA CLASSICA E ARTE  2008

1914

Indietro  
M.Ravel - Trio
Maurice Ravel ha ereditato dai genitori l'ammirazione per la precisione e una predilezione per le cose spagnole.
Tuttavia è sostanzialmente francese nel suo linguaggio musicale e nella sua capacità di riflettere alcuni aspetti dello spirito della sua età e paese d'origine. Ha studiato al Conservatorio di Parigi con Gabriel Faure.
La guerra in cui ha servito come autista, e la morte di sua madre, colpisce il suo spirito, riprendendosi solo nel 1920.
Nel decennio nascono i segni della malattia che lo portarono alla morte nel 1937, dopo anni di incapacità crescente.

Il Trio è stato completato nel 1914, quando la guerra scoppiò, e venne eseguita l'anno successivo.

Il lavoro è stato dedicato a Andre Gédalge, professore di fuga e contrappunto del Conservatorio.

Il primo movimento permette al piano di proporre il ritmo caratteristico del tema principale, seguito dal violino e violoncello in ottave ampiamente distanziati, una sonorità che è una parte essenziale del linguaggio di Ravel, come anche del suo maestro Faure. 
 
Il secondo movimento porta il titolo Pantoum, un riferimento a una forma poetica Malay introdotto in francese da Ernest Fouinet e usate da Victor Hugo nel suo Orientales.

Il terzo movimento è una Passacaglia, con nove variazioni, uno sviluppo della forma barocca.

Il finale fa uso di una modifica del tema principale del primo movimento, annunciato dolcemente dal piano attraverso una nebbia delicata del suono.
Ravel continua ad offrire soluzioni originali ai problemi inerenti alla forma di combinare lo strumento a percussione della tastiera con gli strumenti a corda, fondendo i due elementi in un linguaggio musicale che è inconfondibile.

Copyright 2009 PAOLO FIORDALICE. Tutti i diritti riservati.